Cerca

Cambiare la password almeno 2 volte l’anno [Suggerimenti Google per la sicurezza degli utenti in rete]

Indice Articolo

Ultimi articoli pubblicati

Cambiare la password almeno due volte l’anno, e non riutilizzare una delle vecchie password. Questo è uno dei molti suggerimenti che Google elenca in una lista di controllo di sicurezza online, con il quale cerca di aiutare le persone per rimanere un passo in avanti ai truffatori.

Molti utenti ormai diffidano molto ai messaggi di spam, e per questo i truffatori sono sempre più focalizzati a scassinare account Gmail, Facebook, Yahoo, Hotmail, etc, per ricavare informazioni per inviare mail apparentemente sicure. Accedendo a questi account inviano messaggi ai contatti della vittima, essendo cosi lo spam più efficace visto che arriva da un amico [Di solito uno si fida di più a rispondere ad un messaggio proveniente da un amico].

Di solito questi messaggi includono collegamenti a siti web fraudolenti, a false pagine di phishing. In alcuni esempi trovati sul web, il truffatore si è finto di essere intrappolato in un paese estero e che chiede agli amici della sua vittima (account scassinato) soldi per poter uscire da questo paese. Le vittime di solito non sanno che il loro account è stato compromesso o come sia stato compromesso. Secondo Google ci sono diversi modi a far si che questo accada, i nomi utenti e le password vengono spesso rubati in attacchi di phishing, via software dannosi (malaware o virus).

A volte la vostra password viene semplicemente indovinata. Se utilizzate password facili da indovinare, come il vostro nome o il cognome seguito dalla data di nascita, facilitate molto il lavoro del hacker. Spesso la gente inserisce anche delle risposte banali alla domanda di sicurezza per il recupero password, e anche questo devo dire che è un brutto vizio.

Cambiare spesso la vostra password, o sceglierne una difficile da indovinare, può aiutare molto a contrastare questo fenomeno. Per la scelta della password potete utilizzare tool come LastPass e Keepass per generare password molto strong e difficili da trovare. L’altro consiglio molto importante è di scegliere password diverse per account diversi, almeno per gli account importanti come Google, Banca, Lavoro e altro ancora. Utilizzare un servizio online per la gestione delle password non è molto consigliato. Se questo servizio venisse compromesso, allora tutti gli altri cadono con lui.

via [macworld]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

2 − 1 =